Beijing 1948-2008

“Il mio prossimo libro lo vorrei fare sui giornalisti, i visitatori stranieri che raccontano la Cina agli occidentali, e lo vorrei intitolare La scelta tra la verita’ e il visto: la verita’, cioe’ quello che realmente accade in Cina, e il visto, cioe’ il permesso di entrare nel Paese. Per avere il secondo bisogna scordarsi della prima”.

Parole di TIZIANO TERZANI a colloquio con il giornalista Stefano Silvestri ne L’EUROPEO n.41 del 1984. Terzani aveva appena pubblicato il suo ultimo libro La porta proibita dove metteva a confronto le sue aspettative con la sua esperienza cinese, finita poi con una espulsione. All’apertura dei giochi di Beijing 2008 e’ oppotuno non dimenticare il Tibet ma anche non fingere che il problema dell’assenza di democrazia in Cina sia una novita’. Questo e’ un invito a rileggere i reportage e i servizi dedicati al Paese e pubblicati in raccolta da L’EUROPEO di Luglio 2008 (CINA dal 1948 alle OLIMPIADI).

E citando ancora Terzani direi che l’invito si rivolge a coloro che vogliono capire come come e’ cambiata la Cina che “Doveva essere la patria dell’uomo nuovo e ora e’ un paese miserabile. Dovevano credere nella rivoluzione e ora sperano nel frigorifero.”

 


One thought on “Beijing 1948-2008

  1. Beh, allora meglio che le avessero fatte in Russia nonstante il discorso della Cecenia..
    Pecuniae non olet, ed il C.I.O. daassegnando le olimpiadi alla Cina deve necessariamente fatto un ragionamento del genere…
    Buon Agosto gente..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...