Rwanda genocide – passato presente

 L’Africa invisibile – di Gianluigi Von Biermann

© James Nachtwey/MagnumIl mondo gremito di presenza s’è rimpicciolito, il vuoto è pieno d’assenza di memoria, e di significati.

Fu verso la fine degli anni ’50 che sull’onda dei vari indipendentismi africani l’esigenza d’una autonomia e di un’autodeterminazione iniziò a sorgere anche in Rwanda.

Breve sunto storico.

I territori dell’attuale Rwanda  furono “ereditati” dai belgi al termine del primo conflitto mondiale, tali territori appartenevano all’impero tedesco il quale si era in precenza limitato a rivendicarne il possesso. I belgi ereditarono anche quello.

Hutu e Tutsi vivevano all’interno di una società pressochè feudale dove al vertice sedeva un re Tutsi che tuttavia potremmo definire istituzionale poichè i tre principali poteri erano divisi fra Tutsi (signore delle mandrie) Hutu (signore delle terre) ed i Kwa a cui erano affidati compiti che potremmo definire di forze dell’ordine, assimilabile ad un’odierna polizia.
 
Benchè di origini diverse (Tutsi del cippo nilotico, Hutu subshariano) difatto nell’antico Rwanda le tensioni relative alla divisione del potere, all’elezione di un re, alla nomina dei vari sacerdoti rientravano in un livello che non differiva da quelle in una qualsiasi società complessa. Hutu e Tutsi erano due tribù diverse (nella R.D. del Congo ve ne sono circa 300) ma con medesima lingua, religione ed usi e costumi. Furoni i Belgi a trasferire in toto il potere ai tutsi seguendo principi razziali, favorendo i tutsi poichè grazie alle dimensioni ridotte di orecchie e naso, di pelle leggermente più chiara e di aspetto slanciato erano ritenuti “più vicini” ai bianchi rispetto agli hutu. I cosiddetti “principi razziali” erano una in realtà un promisquo di stereotipi, teorie biblico-scientifiche (in quanto nilotici i tutsi vennero inquadrati come discenenti di Sem, popoli semitici, in ogni caso figli d’un antenato comune giudaico-cristiano.mussulmano, Abramo) ed ignoranze antropologiche poichè condividendo lo stesso corpus di leggi, lingua, simboli di fatto Hutu e Tutsi non erano due etnie diverse, ma tribù con specificità diverse.
 
L’antico regno di Rwanda era simboleggiato dal tamburo Karinga (assmilabile ad un misto di vessillo ed insieme corpus culturale-storico) il quale da simbolo d’unione (varie fasce dipinte simboleggiavano “gli strati” umani che componevano la società rwandese) divenne simbolo di supremazia da parte dei tutsi.
 
Con la distruzione del tamburo Karinga andò perduta anche quell’antica, forse flebile ma funzionante e relativamente stabile, “unione” che permetteva la convivenza ed anzi la manteneva.
 
Il gruppo dei Tutsi favorito per circa 40 anni dai Belgi premeva per l’indipendenza, gli Hutu (o Bantu, o Ba-hutu) erano “disposti” ad un rinvio cosa che li favorì nel cambio di potere che si verificò all’epoca. I Belgi cessarono di favorire i tutsi ed in pratica trasferirono il potere ai Bantu. E del 1959 la prima guerra civile che provocò 1 milione di Tutsi sfollati. Nel 1962 si giunse all’indipendenza, nelle carte di identità veniva anche specificata la tribù d’appartenenza. Nel 1963 i Tutsi dall’esilio attaccarono il Rwanda con l’obbiettivo di tornare alle loro terre, e riconquistare il potere, i Tutsi all’interno del paese furono soggetti a nuovi massacri e persecuzioni. Nel 1965 tentarono ancora l’impresa ed ancora vi furono massacri Tutsi ad opera Bantu all’interno del Rwanda.

Nel 1994 l’aereo dove volava l’allora presidente del Rwanda, durante un volo per l’Uganda dove avrebbe dovuto firmare gli accordi di pace con i tutsi ribelli, fu abbattuto da missili sparati da Kigali da mandanti sconosciuti nonostante l’arcipelago di ipotesi.

Radio Kigali trasmise il seguente messaggio: – Tagliate gli alberi alti.-

Il partito dell’ intheramwe faceva risuonare ovunque i propri slogan.- Chi ha abbattuto la foresta? I Bantù, chi ha reso la terra coltivabile? I Bantù. Chi aveva occupato le loro terre? I Tutsi!
Radio Kigali spiegava che l’errore che avevano commesso le latre volte non doveva accadere mai più! L’errore consisteva nel aver permesso che i Tutsi fuggissero, dando modo che l’evenienza di un ritorno dei profughi fosse possible. Da morti, i tutsi non sarebbero più tornati.

Sembrava la vecchia storia dei conflitti biblici di Caino ed Abele, del pastore contro l’agricoltore, ma non era così. I Tutsi non erano pastori, ma propietari di bestiame in origine, tanto che era un Tutsi ad essere il signore delle mandrie, in origine quindi essere tutsi equivaleva ad occupare un preciso posto nella scala sociale, nello specifico quello dell’aristocrazia. Con le nuove carte di identità tutsi non erano solo i tutsi originari ma anche hutu divenuti nel frattempo proprietari di bestiame, Hutu sposati con tutsi ed anche propietari di bestiame.

Il resto è risaputo, nel volgere di nove settimane furono uccisi più di un milione di tutsi ed hutu moderati. Il F.N.R. ( Fronte nazionale rwandese) guidato dall’attuale Paul Kagame invase da Uganda e Congo il Rwanda, in pochi giorni giunse a Kigali, dichiarò fuori legge il partito dell’interhamwe che fuggi nel nord Congo con quasi un milione di profughi Hutu.

Oggi.

Dopo due guerre congolesi che hanno provocato quasi tre milioni di morti si combatte ancora nelle province del nord Kivu dove si danno battaglia 4 esreciti: quello Rwandese con icursioni in Congo contro l’ Interhamwe, quello dell’Interhamwe contro i tutsi rifugiati in Congo, e quello del generale Laurent Kunda, ex genrale tutsi dell’esercito congolese a sua volta in lotta contro l’interhamwe e l’esercito regolare congolese mandato da Joseph Kabila a ristabilire autorità territoriale.

Laurent Kunda è un Bayamulenge, un tutsi congolese ma di origine rwandese, cioè nato da tutsi profughi. I Nande, tribù hutu che popola il nord del Congo hanno un sentimento così intriso di paura ed odio verso i tutsi che mi è stato difficilissom trovare qualcuno intenzionato ad espormi il proprio punto di vista ed i propri sentimenti riguardo alla situazione. Mentre Kunda con una milizia di 5000 uomini si dichiara pronto ad un cessate il fuoco ma non disposto a “lasciare” senza protezione la minoranza Tutsi nlla zona Kivu- Goma gli scontri continuano rilevando un asse Kunda – Kagame e ponendo in essere le basi per un nuovo genocidio questa volta appena dietro la sbarra della frontiera rwandese. La comunità internazionale si assenta, radiosa come ai tempi di radio Kigali.
I machete luccicano ancora.
L’incubo di Conrad sopravvive…..


17 thoughts on “Rwanda genocide – passato presente

  1. Hey There. I found your blog using msn. This is a really neatly written article.
    I’ll make sure to bookmark it and come back to learn extra of your helpful information. Thanks for the post. I will definitely return.

  2. Howdy! This blog post could not be written much better! Going through this article reminds me
    of my previous roommate! He always kept preaching about this.
    I am going to forward this article to him. Fairly certain he’s going to have a great read. Thank you for sharing!

  3. I’ve been surfing online more than three hours nowadays, but I never found any attention-grabbing article like yours. It is lovely worth enough for me. Personally, if all webmasters and bloggers made excellent content as you probably did, the internet will likely be a lot more helpful than ever before.

  4. Hello! I just wanted to ask if you ever have any trouble with hackers?
    My last blog (wordpress) was hacked and I ended
    up losing a few months of hard work due to no backup. Do you have any
    methods to stop hackers?

  5. I’m amazed, I must say. Rarely do I come across a blog that’s equally educative and engaging, and without a doubt, you’ve hit the nail on the head. The issue is an issue that too few people are speaking intelligently about. I’m very happy I found this during my hunt for something regarding this.

  6. With havin so much content do you ever run into any problems of plagorism or copyright violation?

    My site has a lot of exclusive content I’ve either authored myself or outsourced but it seems a lot of it is popping it up all over the web without my permission. Do you know any techniques to help prevent content from being stolen? I’d truly appreciate it.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...