Trasloco pittoresco

Tutto bene, tutto bene! Giorno 19 dall’inizio del trasloco. Uniche scatole svuotate sono quelle di cucina. Tutto il resto e’ ancora da farsi. Dalla mattina del 1 Novembre ci sono voluti 19 giorni per tralocare la linea telefonica e adsl. Quindi Martha ha atteso con pazienza il momento del suo aggiornamento. Dal ghetto a Monteverde tra scatole, polvere, vernici, mobili, piante, piatti, scarpe, cavi, cazzatine varie, quadri e pennelli, vestiti e giornali, panni sporchi e valige non c’e’ mai quello che cerchi. E ancora facchini, idraulici, imbianchini, elettricisti, il primo negozio di fiducia nel quartiere e’ diventato il ferramenta e il primo amico Vladimir, pittore moldavo, per una settimana in casa mezza piena e mezza vuota tra lezioni di russo e mani di vernice. Poi c’e’ la nausea che ti prende mangiando zuppa di verdura e sentendo il sapore di acqua ragia e colore, specie se aggiungi i colori a olio e, visto che piove sia tempesta, dipingi un quadro a olio. Manca solo la scala e piu’ attrezzi di bricolage, ancora la connessione all’etere televisivo e eccoci qui tornare al mondo. Telefono tv internet! Ma senza sei morto? No no, forse piu’ vivo, troppo ingombrante e umano da avere la sensazione del deserto, quando scopri che sei cosi’ piccolo e invisibile difronte allo spazio e al tempo. E poi ti chiedi perche’ la portiera del nuovo palazzo ti ricorda i vicini di casa tipo Erba. E perche’ nei giorni  in cui i giornali sbavano parole sui romeni tu ti ritrovi un ventitreenne romeno che ti aiuta nel trasloco e lavora in nero nei giorni festivi per gli italiani. Va cosi’ che ci vuoi fare, forse non lasciargli la mancia perche’ i giornalisti oscillano tra tutti i romeni sono ladri o non sono ladri? A Monteverde la vita e’ piu’ calma, l’aria piu’ fresca, la luce migliore, comincera’ un nuovo capitolo. Ancora un po’ di giorni e il pensiero riprendera’ lo spazio rubatogli dall’azione che nel prossimo futuro ha un nome: IKEA!


5 thoughts on “Trasloco pittoresco

  1. Eh so quanto è complicato e soprattutto faticoso il trasloco. Ma al vostro “facchino” gliel’avete data poi la mancia? (Altrimenti vi denuncio per sfruttamento di immigrato, soprattutto se non mi inviterete a vedere la vostra nuova reggia ;PP!)

  2. E aggiungerei…i Romeni sono cittadini Europei, no? L’ho chiesto a Daniele, il facchini, e mi ha risposto: “si ma cittadino europeo non significa nulla per un rumeno!”….quanta bava, la politica di integrazione europea, quanta aria e quante parole!
    Sarai presto invitata al party di inaugurazione! Abbracci.

  3. Un mese fa, ad aiutare un amica a traslocare nell’ orvietano…
    Nessun extracomunitario ma un paio di villici viterbesi munito di forte accento burino ed evidentemente, per via di qualche blocco statunitense, privi di rispettivi deodoranti: un inferno… Le scale angustie del palazzo e le zaffate paurose delle loro ascelle mentre sudi e fatichi….
    Ma dov’era la mia Kiev, e perchè no, la mia Bucarest?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...