The Temples on the Mount

aram al-sharifOn June 7, 1967 a troop of Israeli soldiers entered the Old City of Jerusalem. It was the third day of war. For the first time in nineteen years, Jews were standing before the Kotel, or Western Wall. Their victory was transmitted succinctly by radio: “Har ha-Bayt be-Yadenu”. “The Temple Mount is in our hands.”

This event is perhaps the climactic moment in “Six Days of War“, Michael Oren’s widely revered history of the Six-Day War. Later in the book we are reminded of the allusion: to the six days of creation. It is almost impossible to imagine the euphoria that greeted the Jewish world and the sense of despair that descended over the Arab world as a result of this conflict. We still live with them today.

But all’s fair in love and war, as they say. Or is it? In the moments following the arrival of the Israelis to the Kotel, Oren relates an exchange between Gen. Uzi Narkiss and chief rabbi of the IDF, Shlomo Goren. Goren proposes the destruction of the two Muslim shrines standing on the Mount: the Dome of the Rock and the Al-Aqsa Mosque. Narkiss ignores the proposal. The Friday after the war ended Moshe Dayan–then Minister of Defense–would pray there with Muslim worshipers.

Blow up the mosques–was Goren crazy? Perhaps just a little messianic and a touch meshugge. The point is not that one rabbi got carried away with his chutzpah, but that ultimately his plan was shot down. That is, someone decided to do the right thing–even in the midst of a war. Perhaps this is a negligible footnote to a much more unhappy tale: that of the last forty years. Sure, there’s still an occupation going on. And most Palestinians haven’t yet reconciled themselves to the idea of Jewish sovreignty. We have entered the era of “three states for two peoples“. But the mosques still stand on the Haram al-Sharif, and Muslims still worship there every Friday.

Marc Alan Coen – also in the NEWYORKERS section of this blog.


18 thoughts on “The Temples on the Mount

  1. Write a good post Marc, make some art. I just finished that book you gave me by Louis-Ferdinand Céline, Journey to the End of the Night. We all walk to the end of the night, and we never know if this night, tonight, we’ ll be the last one. Leave us art, literature, not posts about war and hate. Tonight might be your last night Marc.

  2. I don’t know if it occurred to you that the one time I wrote an “artistic” post nobody bothered to read it and nobody ever responded. Don’t tell me what to write. And don’t condescend with barbs like “write a good post.” That is beneath both of us. Please comment. But if your only comment is, “don’t bother to write what you write, but what I think you should write”, maybe you’d better wait until you have something to say. Why not write about war and hate? These are the classic themes from Homer and the Bible to James Joyce and Celine. Do you perceive that writing about hate is not an endorsement of hate? Have you found anything in my words other than an attempt to be equitable?

  3. Grazie del link, caro. Ma forse non sai che quella canzone non è affatto di Celentano ma di Carosone. Ed io, prima di voler fa’ l’ammericano, so’ ammericano. Del resto sembra che non hai niente da dire e ti accontenti di rompere le palle.

  4. Bel post Marc, il fatto è come dire, lo stato di Israele è comunque un’isola occidentale là, in quel buco di sabbia e rocce accaldate. interessante notare che al contrario le armate araba ( in caso di vittoria) non ci avrebbero pensato due volte a far saltare per aria il muro del tempio od il santo sepolcro ( ed il valore mio personale per questi monumenti è di tipo storico – artistico – identitario, non religioso). Ed invece no, il buon vecchio Dayan che fa? dice di no…

    questo per ribadire un concetto: per quel che mi concerne Tel Aviv, le città. le genti, la maggiore degli israeliani sono occidentali, posso camminare per città israeliane e sentirmi comunque in un universo collegato al mio: viceversa non posso dire altrettanto di Theran.
    Ed ancora, ho conosciuto molti laici israeliani e non vedo differenze con laici belgi o svedesi o normanni. E’ la fantasia a farceli immaginare tutti pieni di quei ridicoli cappelli e proto basette, ma è come l’anglofono che si immagina ‘ste donne cattoliche avvolte tutte in scialli neri che maneggiano perpetuamente rosari..

    riferito al nostro “disturbatore” penso sia un ragazzino, Celine l’ho letto 12 anni fa, circa 9 anni fa ho letto – Morte a credito-. sempre di Celine, molto bello, a tratti meglio del ” Viaggio…”
    Deve essere un nino, che fai, leggi Celine a 30 anni? E allora ragazzino o fallito-ignorante, c’è poco da fare…

    Mein got, vedi ‘sti cazzo d’alternativi? La cosa che mi vien da dire è non preoccuparsi, aimè, ricordatevi Marc e Marta, purtroppo la mamma della merda è sempre in cinta ( embarazada, intiendes perro?)…
    Mah, almeno io non parlo ne d’amore nè di pace, anzi….

  5. You see Marc? This is what the kind of stuff you write about generates: Hate generates hate; And love, love. As friendship generates friendship, and so on.

    Céline writes about a coward, that runs away from the conflicts; about the nihilism personified in a soldier which personality symbolizes a whole era. A european era.
    You write about the conflict itself. And that makes me wonder, everytime I click in one of your links, if you’ re a conflictive person. If you feel battered, insulted or marginalized. And project your anger in that conflict.
    It’ s a contemporanean thing the human need to feel attached to some kind of fanatical dogma. In the States fat americans pray and sing in churchs in sunny sunday mornings. They pray for their soldiers, and for Osama, and for their plentiful wealth. Pray and pray and sing and eat and drive.
    I advise you to write about something creative, because I have this intense impression, this feeling that you feel somehow scared, unsafe, insecure… here in Europe. And write and project your feelings in that damned issue. And I tell you all this as a friend, a good friend. I can assure you that if you were living in Madrid instead Rome, you would’ nt feel the way I have the impression you feel right now.
    Keep on writting, I’ ll keep on reading.

  6. Biermann Corleone, ich sage dir noch mal, dass du bist ein italienisch nigger, und nicht ein Anthropologe, aber ein faschistisch Schwein. Oder nicht?

    Sing Corleone, sign mit dein Großvater Vito:

    Tu vuò fa l’ americano!
    mmericano! mmericano
    siente a me, chi t’ ho fa fa?
    tu vuoi vivere alla moda
    ma se bevi whisky and soda
    po’ te sente ‘e disturbà.

  7. Non bevo whisky ma forse ho esagerato lo stesso,
    capita, se almeno uno è un nichilista compiuto.

    ich weiss es nicht…

    mah,

    salute Marc

  8. beh le parole volano, io passo palla, non è il mio blog e dai commenti qui pare lo stia quasi diventando, mi auguro di non vedervi mai al micca con questo vostro caaaro amico spagnolo, ragazzi io vi lascio un pò liberi..

    Io mi prendo un pò di pausa altrimenti qui vi intaso il blog, pare abbia più nemici di un vecchio ricercato..
    Marc, dì al tuo amico spagnolo di non venirti a trovare in Italia, od altrimenti che sarebbe meglio che io non lo veda altrimenti applico la liturgia prussiana su di un singolo risneccolito..
    ehi hombre no es facil comer sin dientes… y sì, ablas de paz y amor, pero no parece que tu eres asì, no eres un situazionista, eres un clown, yo nunca ablaba como un sonflower,
    compliments, you are like Benigni, Robbin Wiliams, you are enterteinment…
    p.s. del maiale lo dai alla tua cara famiglia puta de puta madre, e sì, parla italiano, ma prima sciacquati la bocca, fifone vigliacco… carino lo spagnolo che in tedesco mi dice che sono un italiano negro, eh sì, pare che sono riuscito a tirare fuori il peggio, o la vera natura delle mezze cartucce che si spacciano per pacifiste…

    Veramente, buona fortuna, sopratutto per le bionde.. penso hai bisogno di donne Borja,
    buona fortuna
    you’re funny
    bye bye

  9. ohhh finalmente!!!
    Lo vedi che allora sei un violento?
    Mi dai del maiale fascista, e tu, caro borja, pensi di farmi arrabbiare? Parli da quel che vedo 4 lingue, sembra che tu abbia una discreta educazione, e allora? Che è ti mancano le bionde? Falta de joder? is your not my problem…
    Se tu fossi stato in italia questo avrebbe senso, perche potremmo incontrarci ma così non è, quindi non mi interessi più.

    Domani sono a Roma, cena insieme Marta e Marc?

  10. Sembra veramente molto bravo questo Michael Oren. Che dite, ci sarà qualcuno che lo traduce in italiano o dovremo “accontentarci” (parlo per i non americani ;P) della versione inglese?

  11. Qué decir, what to say? Thanks for your sub-Freudian analysis–I’ll do without. Internal conflict is the psychological basis for art, you could say. Of course I could move to Madrid and screw a bunch of Danish girls, smoke weed and listen to Celentano. Perhaps that would make me a less conflicted person. I could, as well, write off everything I disagree with as other people’s neurosis. I could follow Celine’s coward to the end of the night. But I’d be missing a whole lot, burned-out, fucked-up on ecstacy staring at the Alhambra wondering to myself: “Wow, shit, that’s the most beautiful fucking church I’ve ever seen. History’s sooo cooooool, man…” Fat Americans pray in American churches, fat Spaniards in Spanish churches. Madrid will not answer anyone’s deepest quandaries any more than Jerusalem will, or Rome. Some of us, at least, are trying.
    Shalom.

  12. BASTA!
    STOP IT!
    GUYS, IT’S TOO MUCH…
    We aknowledge that it’s enough to understand that you do not agree with each other and so on…
    so really stop it!

  13. Hamastan e Fatahland, due capitali e nessuno stato.
    Un record mondiale.
    Nella striscia di Gaza Hamas amministra pensando al potere e gli basta un’economia di sussistenza. Basta ci siano acqua, luce e gas e pensano di tirare avanti così, dice Jamal Zakad, dirigente di Fatah.
    Una religiosa, una laica, una che guarda ad oriente ed una che guarda a occidente.

    I dirigenti di Hamas affermano continuamente di non avercela con Abu Mazen ma con Dahlan, “l’uomo forte” a Gaza.

    Ma il giro è strano, è strano il giro di vite.
    Le O.N.G. abbandonano questa striscia di terra maledetta anche da Iddio, ammesso che esista, i giornali impazzano sull’argomento.
    Fra il 2002 ed il 2006, 729 minorenni tra israeliani e palestinesi sono morti nella zona around Gaza.
    Interessante notare che nello stesso arco di tempo sono 1857 i minorenni morti in scontri a fuoco a Rio de Janeiro.
    In Russia il tasso di omicidi è 20 volte più alto che per esempio che nella tanto depauperata europa orientale.
    Quinid a mio avviso c’è quasi una macchinazione mediale intorno al problema israelo-palestinese. Quinidi il problema non è di quanti esseri si scannino, ma di quanti diano addosso forzatamente ad uno stato ( Israele) che se avesse applicato con chirurgica metodologia la stessa ideologia dei semiti la volontà di distruzione dell’altro a quest’ora passeggerei per Gaza come in una nota località balneare, fresca, pulita, e ricca di Bikini e cocktail pronti ad essere tracannati.
    Consumerei litri di crema protettiva non avendo la pelle nera nè olivastra ma tant’è, mi godrei il mare.
    Ad ogni buon conto, se invece del caro vecchio Dio del vecchio e del nuovo testamento non dovesse esistere, spero che un nascituro qualsiasi venturo sia la reincaranzione di Moshe Dayan e magari un suo fratello di un Rabin.
    A Dio piacendo….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...