Castro: un bene per Cuba?

old_street_havanaFidel Alejandro Castro Ruz, alla soglia degli 81 anni, si è avviato verso il tramonto del suo lungo cammino comunista alla guida di Cuba. Probabilmente i necrologi sono già in fase di completamento. C’è anche chi, dissidente ed esiliato, si prepara a festeggiarne la morte a Miami. I suoi biografi avranno un bel da fare. Intanto sono in corso le ultime manovre per assicurare il futuro antiamericano di Cuba il cui garante sembra identificarsi nella persona di Ugo Chàvez. La rivista Foreign Policy ha pensato di mettere a confronto due tra i maggiori biografi di Castro, anticipando a grandi linee il dibattito che si scatenerà probabilmente tra i suoi oppositori e i suoi sostenitori all’indomani della sua morte. Due firme del giornalismo internazionale, Carlos Alberto Montaner – scrittore e giornalista cubano liberale, aspramente critico del regime castrista – e Ignacio Ramonet – giornalista, direttore di Le Monde Diplomatique e fedele estimatore di Fidel, cercano di dare risposte allo stesso interrogativo: Was Fidel good for Cuba?


One thought on “Castro: un bene per Cuba?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...